Per molti, l’apertura della partita IVA è una scelta obbligata piuttosto che volontaria. Per altri, invece, è legata al desiderio di mettersi in proprio e a quello di riuscire a costruire la propria attività.

Comunque, non bisogna essere pessimisti al riguardo perché, certe volte, l’apertura della partita IVA può portare diversi vantaggi.

In Italia, inoltre, se si rispettano alcuni requisiti è possibile aderire ad uno dei regimi fiscali “più leggeri in Europa”: il regime forfettario.

Con questo regime, infatti, allo Stato si cederà solo il 15% di imposte sui propri ricavi/compensi (o il 5% in caso di startup). Dopo di che, non ci saranno altre tasse da pagare, nessuna IRPEF, nessuna IRAP o addizionali varie.

Per di più, chi volesse intraprendere una strada imprenditoriale, diventando un commerciante o artigiano,  potrebbe usufruire di una riduzione contributiva del 35 % sia sulla quota di contribuzione fissa che su quella variabile.

IL COMMERCIANTE IN REGIME FORFETTARIO START UP

Il regime forfettario è un regime fiscale molto vantaggioso che ha permesso negli ultimi anni a migliaia di persone in Italia di mettersi in proprio garantendo un’imposizione fiscale agevolata.

In questo regime fiscale, lo Stato, come anticipato in apertura, si “accontenta” di una percentuale fissa per le imposte: il 15%. In alcuni casi, inoltre, l’aliquota dell’unica imposta sostitutiva che si andrà a pagare scende addirittura al 5%.

Infatti, per cercare di favorire lo sviluppo economico e, di conseguenza, l’avvio di nuove attività da parte dei cittadini, il legislatore ha deciso di rendere ancora più appetibile il regime forfettario per i primi 5 anni. Stiamo parlando del cosiddetto regime forfettario start-up al 5% di imposta invece del 15%. Questo regime nasce per premiare chi avvia una nuova attività e, quindi, chi apre una nuova partita IVA direttamente in regime forfettario.

Per aderire a questa ulteriore agevolazione, tuttavia, devono essere soddisfatti ulteriori requisiti che di seguito elencheremo.

I requisiti del commerciante in regime forfettario start-up

I commercianti che volessero usufruire di questa particolare agevolazione, come anticipato, devono rispettare certi requisiti che sono descritti sempre all’ interno della Legge n.190/2014. L’ultra-agevolazione sarà accessibile se:

  • il contribuente non ha esercitato, nei tre anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni;

N.B. Qualora venga proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non deve essere superiore ai limiti previsti dalla tabella per il fatturato annuo in base ai codici Ateco.

Per un approfondimento sul regime forfettario rimandiamo al nostro articolo dedicato in cui sono stati trattati i requisiti per l’adesione al regime ultra-agevolato (il regime forfettario start-up).

Adesso cercheremo di simulare, per quanto possibile, un calcolo delle imposte e dei contributi che verserà un nuovo commerciante in regime forfettario.

QUANTO PAGA UN E-COMMERCE IN IMPOSTE E CONTRIBUTI IN REGIME FORFETTARIO?

Facciamo un esempio numerico per capire quanto pagherebbe un e-commerce per imposte e contributi INPS se decidesse di aprire una partita IVA.

Precisiamo che anche un commerciante che svolge attività di ecommerce è obbligato ad iscriversi alla gestione commercianti INPS. Di conseguenza, l’imprenditore e-commerce sarà tenuto al versamento dei contributi fissi annuali indipendentemente dal suo fatturato.

In apertura, abbiamo fatto presente che i commercianti/artigiani in regime forfettario hanno la possibilità di avere un’agevolazione contributiva, ovvero uno sconto pari al 35% (invece di pagare 3800 € circa ogni anno, si pagherebbero 2500 € circa). Puntualizziamo che questa agevolazione è un’opzione del commerciante e non si tratta di un obbligo. Per poter aderire a questa agevolazione il consulente che si occupa dell’apertura della partita IVA del contribuente dovrà comunicarlo in sede di iscrizione INPS. Per coloro, invece, che aderiscono al regime forfettario in corso di attività avranno la possibilità di richiedere la riduzione all’INPS entro il 28 febbraio di ogni anno.

Dopo questo breve excursus sull’agevolazione contributiva concentriamoci sul nostro esempio.

Il sig. Bodoni apre un e-commerce in regime forfettario start-up nel 2021 ed ha richiesto, in sede di apertura, anche l’agevolazione contributiva del 35%.

Ricordiamo che per poter continuare ad aderire al regime forfettario il suo limite di fatturato annuale sarà di € 65.000, limite che è stato ampliato a partire dal 2019 (nel 2018 era di € 50.000), ed il coefficiente di redditività con il quale saranno calcolate imposte e contributi è del 40%.

2021

Ipotizziamo che nel 2021 il fatturato totale (ovvero i ricavi lordi annuali) ammonti a € 24.000.

Ricordiamo che il pagamento delle imposte relative al reddito del 2021 partirà da fine giugno 2022. Mentre,  il versamento dei contributi fissi sarà dovuto a rate già nel 2021.

I contributi fissi generalmente ammontano a circa € 3.800, ma con l’agevolazione del 35%  scendono a circa € 2.500. Questi, dovranno essere versati in 4 rate. Nel caso in cui la partita iva si apra a gennaio, la prima rata  INPS da pagare sarà quella di maggio, in quanto la rata di febbraio è intesa come a saldo della contribuzione dell’anno precedente. Di seguito riportiamo le scadenze per il versamento dei contributi fissi INPS.

  • 16 Maggio
  • 16 agosto
  • 16 novembre
  • 16 febbraio

Nel 2021 quindi il sig. Bodoni verserà solo i contributi fissi per un esborso pari alle rate di maggio, agosto e novembre (1.900 euro circa)

2022

Il sig. Bodoni sarà tenuto al versamento dei contributi fissi e delle imposte come saldo 2021 e acconto 2022. Ricordiamo che per il calcolo delle imposte possono essere portati in deduzione i contributi.

Procediamo al calcolo.

Fatturato 2021: € 24.000

Contributi versati durante il 2021: € 1.900

Calcoliamo l’imponibile ai fini fiscali:

€ 24.000 x 40% = € 9.600

A questi € 9.600 dobbiamo dedurre i contributi versati che hanno un valore di € 1.900. Eseguendo la differenza, l’imponibile impositivo per il sig. Bodoni sarà di € 7.700.

Imponibile fiscale 2020: (€ 24.000 x 40%) – €1.900= € 7.700

Imposta 2021: € 7.700 x 5%= € 385

Ricordiamo che sarà dovuto anche l’acconto per l’imposta del 2022 in termini del 100% del saldo dell’imposta del 2021 e, nello specifico, altri € 385. L’ acconto per il 2022 potrà essere pagato in misura del 50% a giugno e il restante 50% a novembre.

Riassumiamo tutto attraverso una tabella con le relative scadenze per cercare di essere più chiari possibile.

Data Azione Valore Rilevanza per il calcolo delle imposte 2018
1/1/2021 apertura
16/05/2021 versamento prima rata INPS 2021 € 625 si
22/08/2021 versamento seconda rata INPS 2021 € 625 si
 16/11/2021 versamento terza rata INPS 2021  € 625 si
31/12/2021 chiusura esercizio, fatturato totale € 24.000 si
16/02/2022 versamento quarta rata INPS 2021 € 625 no
16/05/2022 versamento prima rata INPS 2022 € 625 no
30/06/2022 versamento imposta 2021+ 50% acconto imposte 2022 € 385+192,50

possibile rateizzare tale importo in 6 rate fino al 16/11

no
22/08/2022 versamento seconda rata INPS 2022 € 625 no
16/11/2022 versamento terza rata INPS 2022 € 625 no
30/11/2022 versamento 50% acconto imposte 2022 € 192,5

non è possibile rateizzare tale importo

no
31/12/2022 chiusura esercizio 2022, fatturato totale € 40.000 no
 
 
 

Potrebbe interessarti anche

 
4 Ago 2022
autofatture forfettario-01
Autofatture elettroniche – nuovo adempimento per i forfettari

Il mese di luglio, per la stragrande maggioranza dei forfettari, oltre che per i primi versamenti [...]

14 Giu 2022
fatturazione elettronica e regime forfettario
Fatturazione elettronica e regime forfettario – come farsi trovare pronti

Dal 1° luglio 2022, come ormai tutti sappiamo, sarà introdotta la FE obbligatoria anche per chi [...]

28 Ott 2021
REGIME FORFETTARIO 2022 COSA ASPETTARSI
Regime forfettario 2022 – cosa aspettarsi?

Nelle ultime settimane si è molto discusso delle novità a tema fiscale che saranno introdotte nel [...]