Il bando ON (Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero) è rivolto agli aspiranti imprenditori, tra i 28 e i 35 anni, e alle donne di tutte le età. L’iniziativa del MISE, che prevede inoltre un contributo a fondo perduto per le imprese con progetti di spesa fino a 3 milioni di spesa, è a sportello: non sono previste né graduatorie né scadenze per presentare la domanda di partecipazione.

COS’È IL BANDO “ON”?

Il bando On (Oltre Nuove Imprese A Tasso Zero) è rivolto agli aspiranti imprenditori, tra i 28 e i 35 anni, e alle donne di tutte le età. In particolare, il contributo offerto dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha come obiettivo quello di sostenere le micro e piccole imprese che siano rappresentate al loro interno in prevalenza o totalmente dai soggetti succitati.

Nello specifico, il finanziamento a tasso zero proposto dal Ministero è destinato alle imprese che attraverso progetti di investimento hanno intenzione di realizzare nuove iniziative o trasformare le attività esistenti nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo.

Si tratta, dunque, di un’agevolazione che prevede inoltre un contributo a fondo perduto per le imprese con progetti di spesa fino a 3 milioni di spesa. Detto mix di aiuti può arrivare a coprire fino al 90% dei costi ammissibili.

Dopo l’inoltro dell’istanza di partecipazione al bando, i piani di impresa devono essere conclusi entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

L’incentivo è a sportello: non ci sono graduatorie né scadenze per la presentazione delle domande che verranno esaminate in base all’ordine di arrivo. Lo sportello chiuderà una volta esaurite le risorse disponibili.

A CHI È RIVOLTO IL BANDO?

ON – Oltre Nuove imprese a tasso zero, come sopra anticipato, si rivolge alle micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, su tutto il territorio italiano.

Quindi, vi rientrano tutte le imprese che siano composte per almeno il 51% da giovani under 35 e da donne di tutte le età. Il criterio della maggioranza si riferisce sia al numero di componenti donne e/giovani presenti nella compagine sociale sia alle quote di capitale detenute dai soggetti menzionati.  

Facciamo un esempio per chiarire.

Una società è composta solo da un uomo over 35 e una donna/uomo under 35. In questo caso non verrà ammessa al finanziamento. Per essere ammessi alla misura è infatti necessaria la presenza di una terza persona che rispetti i requisiti stabiliti dal bando.

Possono accedono al finanziamento le imprese costituite entro i 5 anni precedenti. Cambiano però le regole e le modalità a seconda che si tratti imprese costituite da non più di 3 anni o da imprese costituite da almeno 3 anni e da non più di 5. 

Possono poi inoltrare istanza di partecipazione al bando anche le persone fisiche. In tale ipotesi, dovranno impegnarsi a costituire la società dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni. Dunque, è necessaria l’apertura della partita iva, se si intende svolgere l’attività.

Per maggiori informazioni puoi contattare i nostri consulenti, compilando il form presente sulla home page del sito www.partitaiva24.it. Riceverai gratuitamente tutte le delucidazioni necessarie per aprire la tua partita iva.

COSA FINANZIA IL BANDO “ON”?

Il bando è destinato a finanziare le imprese che hanno intenzione di realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare le attività esistenti. La copertura economica può arrivare fino al 90% dei costi sostenuti, rimborsabile in 10 anni.

Se i finanziamenti richiesti ammontano a meno di 250 mila euro, non verrà chiesta all’impresa alcuna garanzia; al contrario, nel caso di finanziamenti superiori a 250 mila euro, la garanzia richiesta alle imprese verrà effettuata sotto forma di privilegio speciale. Nel caso di progetti di investimento che prevedono l’acquisto di un immobile, poi, all’impresa verrà domandata sempre l’ipoteca. 

Come già detto, dopo la presentazione dell’istanza ed entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento i piani di impresa devono essere avviati. A seconda che le imprese siano costituite da non più di 3 anni oppure da almeno 3 e non più di 5 anni sono previste due linee di finanziamento con programmi di spesa e regime di aiuti diversi.

Vediamoli nel dettaglio.

Imprese fino a 3 anni

Le imprese costituite da non più di 3 anni possono presentare progetti di investimento fino a 1,5 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o sviluppare attività esistenti nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo. La copertura delle spese ammissibili può arrivare al 90% da rimborsare in 10 anni.

È consentito anche l’accesso ad un mix di finanziamento a tasso zero e contributo a fondo perduto che non può superare il limite del 20% della spesa ammissibile. Un contributo può essere inoltre richiesto per la copertura delle esigenze di capitale circolante collegate alle spese per materie prime e servizi necessari allo svolgimento dell’attività d’impresa. L’incentivo, in tal caso, può arrivare fino al 20% delle spese di investimento.

Rientrano ad esempio tra le spese del piano d’impresa:

  • opere murarie e assimilate (30% investimento ammissibile);
  • macchinari, impianti e attrezzature;
  • programmi informatici e servizi per l’ICT;
  • brevetti, licenze e marchi;
  • consulenze specialistiche (5% investimento ammissibile);
  • spese connesse alla stipula del contratto di finanziamento;
  • spese per la costituzione della società.

Imprese tra i 3 e i 5 anni

Se costituite da almeno 3 anni e da non più di 5, le imprese possono presentare progetti che prevedono spese per investimento fino a 3 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti, nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo.

In questo caso, l’aiuto economico previsto consiste in un mix di tasso zero e fondo perduto, che non può superare il limite del 15% della spesa ammissibile.

Alcuni esempi di costi del piano d’impresa ammessi dall’agevolazione sono:

  • l’acquisto di immobili solo nel settore turistico (40% investimento ammissibile);
  • le opere murarie e assimilate (30% investimento ammissibile);
  • i macchinari, gli impianti e le attrezzature;
  • i programmi informatici;
  • brevetti, licenze e marchi.

Ricordiamo che è necessaria l’apertura della partita iva, se si intende svolgere l’attività di impresa.

Per maggiori informazioni puoi contattare i nostri consulenti, compilando il form presente sulla home page del sito www.partitaiva24.it.  Riceverai gratuitamente tutte le delucidazioni necessarie.

COME SI PRESENTA LA DOMANDA?

La domanda per accedere all’agevolazione stabilita dal bando “ON”, lanciato dal Ministero dello sviluppo economico, può essere presentata fino ad esaurimento delle risorse. Infatti, è prevista la procedura a sportello.

L’iter per l’inoltro dell’istanza è online sulla piattaforma informatica di Invitalia. Dopo aver inserito le credenziali di accesso ricevute via e-mail nell’Area Riservata del sito di Invitalia, l’aspirante candidato visualizzerà la pagina web, dove potrà accedere all’elenco degli incentivi ed eventualmente aggiornare il profilo utente nella sezione apposita.

Successivamente, cliccando su elenco incentivi, potrà visualizzare le misure attive sulla piattaforma e il link per l’accesso a ON – Oltre NIT0. Dopo il click sull’icona, visualizzerà l’home page della Misura, dove potrà cliccare sul link “Crea Nuova Domanda” e, dopo aver accettato l’informativa ai sensi dell’art.13 regolamento (UE) 679/2016, potrà selezionare tra “Impresa costituita e non costituita” e procedere ulteriormente con la compilazione.

Ricordiamo che è necessaria l’apertura della partita iva, se si intende svolgere l’attività di impresa.

Per maggiori informazioni puoi contattare i nostri consulenti, compilando il form presente sulla home page del sito www.partitaiva24.it. Riceverai gratuitamente tutte le delucidazioni necessarie.

COME FUNZIONA IL SERVIZIO DI AIUTO DI INVITALIA?

Coloro che hanno bisogno di un aiuto per la presentazione della domanda e, più in particolare, necessitano di alcune dritte per portare a buon fine la compilazione del piano di impresa, possono contare sul servizio di accompagnamento che Invitalia mette a disposizione.

Dei professionisti incaricati da Invitalia, mediante degli incontri one-to-one con i team di imprenditori delle società già costituite o ancora da costituire, li supporteranno nella presentazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

È possibile, inoltre, partecipare ai 2 webinar (e per almeno l’80% delle sessioni) di approfondimento per conoscere il funzionamento dell’incentivo e la metodologia di compilazione della domanda spiegata da un esperto. È possibile consulta il calendario online sul sito di Invitalia per iscriversi ai webinar.

Il percorso di accompagnamento può concludersi con un secondo incontro, se l’imprenditore o aspirante tale lo ritiene necessario.

COME AVVIENE IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DEL PROGETTO?

Il bando prevede due fasi di valutazione dei progetti presentati dagli imprenditori o aspiranti tali.  Nel corso della prima fase si terrà un colloquio di approfondimento attraverso il quale verranno verificate le competenze tecniche, organizzative e gestionali del team imprenditoriale e la coerenza interna del progetto da finanziamento, riguardo anche la sua fattibilità all’interno del mercato. 

Se il candidato supera positivamente il colloquio, accederà alla seconda fase durante la quale verrà chiesta l’integrazione della domanda sulla piattaforma online con le informazioni sul piano economico-finanziario del progetto, che dovranno rispettare le spese indicate e le agevolazioni richieste. 

Al termine della valutazione, Invitalia erogherà i finanziamenti. Inoltre, si occuperà del monitoraggio nel corso della realizzazione dei progetti.

Ricordiamo che è necessaria l’apertura della partita iva, se si intende svolgere l’attività di impresa.

Per maggiori informazioni puoi contattare i nostri consulenti, compilando il form presente sulla home page del sito www.partitaiva24.it.  Riceverai gratuitamente tutte le delucidazioni necessarie.

 
 
 

Potrebbe interessarti anche

 
25 Feb 2022
STARTUP-01
Aprire una startup innovativa in Italia

Sempre più usato, e talvolta abusato, nel linguaggio comune il termine start-up è il risultato [...]

7 Dic 2021
ESONERO CONTRIBUTIVO-01
Esonero contributivo 2021 per le partite iva

Dal 25 agosto al 30 settembre sarà possibile per i professionisti e gli imprenditori aventi i [...]

19 Nov 2021
regime impatriati
Regime degli impatriati – tornare in Italia pagando meno tasse

L’annosa questione della fuga dei cervelli per l’Italia è stata sempre al centro [...]