Dopo il Decreto Cura italia ed il Decreto Liquidità, nei giorni scorsi è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso Decreto Rilancio.

Si tratta di un Decreto all’interno del quale sono contenute tutte le nuove misure prese dal governo circa il sostegno alle imprese, le famiglie e la ripresa graduale del paese colpito dalla pandemia di Corona Virus.

Per le partite IVA la misura più attesa riguarda senza dubbio la riconferma dell’indennità di 600 € anche per il mese di aprile.

Vediamo quali sono le novità circa il bonus COVID – 19 per il mese di aprile, a chi sarà rivolto e come si potrà richiedere.

INDENNITA 600 € APRILE – DECRETO RILANCIO

Il Decreto Rilancio (DL 19/5/2020 n. 34) prevede che l’indennità prevista agli art. 27, 28, 29, 30, 38 e 44 del Decreto Cura Italia si estesa anche per il mese di aprile 2020.

I soggetti che potranno usufruire di questo bonus pertanto sono gli stessi che hanno già usufruito del bonus precedente relativo al mese di marzo.

Ricapitolando ci si riferisce a:

  • liberi professionisti titolari di p. IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, iscritti alla gestione separata INPS;
  • lavoratori titolari di rapporti di co.co.co attivi alla data del 23 febbraio 2020, iscritti alla gestione separata INPS;
  • i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO attivi alla data del 23 febbraio 2020, parliamo degli artigiani e commercianti iscritti all’INPS (compresi gli Agenti di commercio iscritti ad ENASARCO);
  • lavoratori stagionali e in somministrazione del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dello spettacolo che non siano titolari di rapporti di lavoro dipendente né di redditi da pensione alla data del 19 maggio 2020, con almeno 7 giornate contributive 2019 e con redditi fino a € 35.000;
  • altri lavoratori stagionali, intermittenti e privi di partita IVA.

CHI È ESCLUSO DAL BONUS DI 600 €

Nel Decreto viene indicato inoltre chi non potrà richiedere l’indennità. Come nel Decreto Cura Italia l’indennità non potrà essere richiesta dai titolari di partita IVA che sono contemporaneamente titolari di ulteriori trattamenti previdenziali.

Chi oltre alla p. IVA ha un reddito da lavoro dipendente e di conseguenza un ulteriore trattamento previdenziale non avrà diritto al nuovo bonus previsto per il mese di aprile.

Stessa situazione vale per i titolari di pensione. Anche in questo caso, chi oltre alla p. IVA ha un reddito da pensione non potrà richiedere il bonus di 600 € previsto per il mese di aprile.

BONUS 600 € APRILE , COME RICHIEDERLO

A differenza dell’indennizzo per il mese di marzo, dato che la platea dei beneficiari è la medesima, INPS ha reso noto che non sarà necessario nessuna nuova domanda o richiesta per l’ottenimento del bonus.

Il nuovo bonus infatti sarà direttamente erogato nella stessa modalità con la quale è stato ricevuto il precedente del mese di marzo.

BONUS 600 € APRILE, ENTRO QUANDO EFFETTUARE LA RICHIESTA

Il Decreto Rilancio al comma 14 dell’art 84, a differenza del precedente Decreto Cura Italia, prevede che per coloro che non abbiano effettuato in precedenza la richiesta ne decadrà la possibilità se questa non sarà effettuata oltre i 15 giorni dalla pubblicazione del decreto.

Vale a dire che se la richiesta non sarà effettuata entro il 3/6/2020 non si potrà più procedere all’invio della domanda per l’indennizzo del mese di marzo e successivi.

BONUS 600 € APRILE PROFESSIONISTI CON CASSA

Notizie ancora incerte per i professionisti che sono iscritti ad un ordine e versano i loro contributi alle proprie casse di previdenza. Il rinnovo del fondo di ultima istanza previsto dall’ art. 44 del Decreto Cura Italia anche per il mese di aprile sarà subordinato ad un nuovo decreto ministeriale ad hoc.

BONUS 1.000 € PER IL MESE DI MAGGIO

Il Decreto Rilancio, all’art. 84 comma 2, prevede il rinnovo dell’indennità anche per il mese di maggio. Il valore di questo bonus a differenza di quello di aprile avrà il valore di € 1.000 anziché 600 €.

Per la richiesta del nuovo bonus sarà necessario rispettare alcune condizioni e non sarà erogato indistintamente a tutti.

Il nuovo bonus da 1.000 € sarà erogato per i liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 19 maggio 2020 che abbiano subito una riduzione di almeno del 33 % del reddito del secondo bimestre (marzo aprile) 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Dalla lettura norma sembra che il bonus da 1.000 € sia valido solo per i titolari di p. IVA iscritti alla gestione separata INPS (liberi professionisti), tagliati fuori artigiani e commercianti, i quali dovrebbero però poter accedere a dei contributi a fondo perduto.

COME SI ACCEDE AL BONUS DI 1.000 € PER IL MESE DI MAGGIO

Come riportato sopra, per poter accedere al bonus di 1.000 € per il mese di maggio si dovranno rispettare dei requisiti. Sarà necessario aver avuto una riduzione del reddito del 33% nei mesi di marzo-aprile 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il Decreto richiede che il reddito sia determinato seguendo il principio di cassa come differenza ricavi costi sostenuti nel periodo di riferimento comprendendo anche le eventuali quote di ammortamento.

Quest’ultimo punto risulta ancora poco chiaro e siamo sicuri che in fase di conversione del decreto stesso ci saranno degli emendamenti.

Nulla viene accennato in riferimento a chi applica il regime forfettario.

Riguardo a come effettuare la richiesta ed entro quando quest’ultima dovrà essere effettuata non ci sono ancora certezze, all’interno del comma 2 dell’art. 84 viene indicato solamente che il contribuente dovrà auto certificare il possesso dei requisiti ad INPS, INPS successivamente comunicherà ad agenzia dell’entrate i dati dei soggetti richiedenti per la verifica del possesso degli stessi.

Non resta quindi che attendere la conversione il legge o delle circolari INPS che diano indicazioni su quali siano i requisiti precisi da rispettare e su come presentare la domanda.

Di seguito una infografica che riassume tutte le novità dell’indennità COVID-19 per le partite IVA.

infografica bonus aprile

CHIARIMENTI INPS CIRCA LE DOMANDE RESPINTE

Con un messaggio del 1 giugno, il n. 2263, INPS ha comunicato con maggior precisione l’ambito dei soggetti beneficiari delle indennità di € 600 previste i mesi marzo ed aprile.

Nello stesso messaggio del primo giugno ha indicato anche le principali ragioni per le quali molte domande sono state respinte. Di seguito ne esemplifichiamo alcuni:

  • titolarità di un trattamento pensionistico diretto al mese di marzo 2020;
  • reddito da pensione o reddito di cittadinanza a marzo 2020;
  • titolarità di un rapporto di lavoro dipendente;
  • assenza di iscrizione alla gestione previdenziale di riferimento.

Per chi si è visto rigettare la domanda ed avesse delle prove potrà effettuare un ricorso di natura giudiziaria oppure proporre un’istanza di riesame. Sarà possibile proporre un’istanza di riesame entro il 21/6/2020 portando all’attenzione di INPS dei documenti che possano determinare un’accoglimento della domanda.

I canali per l’istanza di riesamina della propria pratica sono 2:

  • il link esiti, presente nella sezione utilizzata per la presentazione della domanda;
  • email: riesamebonus600.nomesede@inps.it al competente ufficio territoriale.

L’intervento dell’istituto previdenziale in termini di tempistiche appare comunque in ritardo dato che le indennità potevano essere richieste entro il 3 giugno e queste comunicazioni chiarificatrici sono state date solo al 1 giugno.

 
 
 

Potrebbe interessarti anche

 
25 Feb 2022
STARTUP-01
Aprire una startup innovativa in Italia

Sempre più usato, e talvolta abusato, nel linguaggio comune il termine start-up è il risultato [...]

7 Dic 2021
ESONERO CONTRIBUTIVO-01
Esonero contributivo 2021 per le partite iva

Dal 25 agosto al 30 settembre sarà possibile per i professionisti e gli imprenditori aventi i [...]

19 Nov 2021
regime impatriati
Regime degli impatriati – tornare in Italia pagando meno tasse

L’annosa questione della fuga dei cervelli per l’Italia è stata sempre al centro [...]